Reperibilità 24h al giorno 7 giorni su 7 al 3315939011
Da un passato di gloria ad un futuro luminoso.
Reperibilità 24h al giorno 7 giorni su 7 al 3315939011

Il Quesito: Niente «Progatorio» Per L’Amministratore Revocato Dal Giudice

Il Quesito: Niente «Progatorio» Per L’Amministratore Revocato Dal Giudice
30 Novembre 2016 ciccio

Nel corso di un procedimento di revoca giudiziale, un amministratore ha presentato le proprie dimissioni in assemblea e il tribunale ha dichiarato cessata la materia del contendere. Il condominio non ha ancora nominato un successore, per mancanza del quorum, e l’amministratore dimissionario sta proseguendo come se nulla fosse successo: prima o poi farà in modo di farsi rinominare. È legittimo che, eventualmente, l’assemblea decida di rinominarlo, nonostante il procedimento di revoca, che si è tuttavia concluso senza una pronuncia nel merito?

Le dimissioni dell’amministratore non lo esonerano dagli effetti della prorogatio, nel senso che egli deve comunque gestire – fino alla nomina del nuovo amministratore – il condominio nei limiti delle «attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni, senza diritto agli ulteriori compensi» (articolo 1129, settimo comma, del Codice civile).Argomentando dall’art. 1129, undicesimo comma, n. 8, del Codice stesso – per il quale, in caso di revoca da parte dell’autorità giudiziaria, l’assemblea non può nominare nuovamente l’amministratore revocato – può ritenersi che, in caso di dimissioni rese a seguito di un giudizio per revoca dell’amministratore, l’assemblea non possa nominare nuovamente l’amministratore dimissionario,quantomeno per l’anno di gestione in corso.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*